Archivi Blog

Decoro Urbano: richiesta di più trasparenza

Credo che la partecipazione sia la forza motrice di ogni cambiamento, il modo migliore per consentire ad ogni idea innovativa di incidere positivamente sulla qualità della nostra vita.

Abbiamo cercato su internet diverse opzioni che potessero essere utili per il comune ad avere una maggiore trasparenza verso le segnalazioni dei cittadini. Abbiamo trovato “Decorourbano.org”

Cosa è

Promosso esclusivamente in Rete, Decoro Urbano è stato accolto con entusiasmo dando vita ad una grande community in tutta Italia.
In molti stanno scrivendo ai propri sindaci, pubblicando lettere aperte sui propri blog, chiedendo con forza l’adesione. Grazie al supporto di una community così attiva, il network sta crescendo giorno dopo giorno, mostrando un Paese animato da un grande desiderio: partecipare!

Come Funziona

Un Comune Attivo ha accesso ad un pannello di controllo per monitorare costantemente il territorio, ottimizzando la gestione degli interventi.
Decoro Urbano è una grande banca dati che mostra in modo completamente trasparente segnalazioni relative all’intera superficie nazionale.
Anche un comune non attivo può dunque visualizzare la mappa in tempo reale, così come i cittadini possono portare all’attenzione dell’amministrazione le proprie istanze servendosi degli strumenti offerti gratuitamente da Decoro Urbano.
Le pagine di ciascun comune possono essere raggiunte dalla ricerca rapida o digitando l’indirizzo così composto: nomecomune.decorourbano.org (ad es. roma.decorourbano.org, milano.decorourbano.org e così via).

Chiunque può creare il proprio profilo dal sito web o attraverso l’applicazione smartphone, scaricabile gratuitamente negli application store per iPhone e Android. In alternativa è possibile effettuare l’accesso con il proprio account Facebook.

Le segnalazioni possono essere inviate dal sito attraverso la procedura guidata o via smartphone, dove è sufficiente lanciare l’app e scattare una foto per far sì che il dispositivo vi associ automaticamente le coordinate GPS e visualizzi la segnalazione sulla mappa.
Da quel momento gli utenti possono commentarla, condividerla online o sottoscriverla (tasto DU IT!) accrescendone la visibilità.

Ecco la Mozione

Annunci

Partecipa all’aggiornamento dello Statuto del nostro comune


Il 18 novembre è incominciata la revisione e aggiornamento del nostro statuto comunale. L’ultimo aggiornamento è stato fatto nel 2008(revisionato nel 2012).

Visto che una delle parti da rinnovare riguarda proprio gli Istituti di Partecipazione, ovvero quegli strumenti di partecipazione già previsti che consentono alla cittadinanza di prendere parte in maniera attiva alla vita e alle decisioni che riguardano la propria città, in collaborazione con l’amministrazione e in vista del raggiungimento di un obiettivo comune che riguardi il bene pubblico ritengo che la cittadinanza tutta debba essere coinvolta in questo processo di rinnovamento, soprattutto per quel che riguarda gli aspetti più strettamente legati al suo diretto coinvolgimento, ovvero gli istituti di partecipazione.

Chiunque vorrà partecipare potrà contattarmi direttamente o contattare il Movimento 5 stelle di Monterotondo per dare il proprio supporto.

Idee per un territorio su misura dei cittadini

Oggi mi sono imbattuto nella lettura di un articolo fatto dall’associazione Amici del Nidiaci di Firenze.

L’Associazione nasce attorno alla difesa dalla speculazione immobiliare di quello che per novant’anni fu lo spazio (ludoteca e giardino) dei bambini di San Frediano, chiamato comunemente (e a torto, ma è un’altra storia) “il Nidiaci”. Dopo varie manifestazioni, hanno ottenuto la gestione per quattro anni della parte rimasta pubblica di quello spazio, e da lì sono partiti con una serie di iniziative tutte collegate tra di loro.

Riassumo alcune delle iniziative sponsorizzate da questa associazione che possono essere trasferite nei nostri territori. Leggi il resto di questa voce

Dobbiamo prenderci per mano e camminare

“Ho sempre amato la parola comune. Da ragazza sognavo di costruire una piccola comune con amic*, compagn*, che condividessero lo stesso desiderio. Non ho mai sentito, nè sento, di appartenere a una nazione, a uno stato; al contrario il comune è una forma di aggregazione che sento a mia misura. Mettere in comune, poi, non è mai privarsi di qualcosa ma sempre un modo per accrescere la propria ricchezza, costruendo rapporti di solidarietà e amicizia. E quando, ad essere messe in comune, non sono cose ma saperi la ricchezza comune diventa immensa. Ricordiamoci che dobbiamo prenderci per mano e camminare. Camminare domandando e condividendo. Perchè solo un cammino comune ci porterà lontano”.

Elena Giuliani