Archivi Blog

Ognuno secondo le sue capacità

Tra i Gruppi di acquisto solidale, i loro corrispondenti statunitensi, le Community-Supported Agriculture (Csa), e alcune esperienze di orti urbani nel mondo ci sono realtà che tentano di favorire cittadini a basso reddito in molti modi. Ad esempio, ci sono gruppi che prevedono oltre all’acquisto collettivo di cibo sano presso contadini locali anche la partecipazione alla raccolta di prodotti destinati a mense popolari, altri creano al loro interno un fondo riservato a famiglie più vulnerabili, in altri gruppi le persone con un reddito superiore pagano volontariamente un importo maggiore al prezzo individuato insieme oppure anticipano parte delle spese sostenute dalle piccole aziende agricole. Principi e pratiche di distribuzione della ricchezza e di messa in discussione del lavoro trovano dunque spazio in esperienze di autogestione, tra filiere corte e cibo buono. Per dirla con Marx “da ciascuno secondo le sue capacità, a ciascuno secondo le sue necessità.“. Alcuni casi raccontati da una ricerca tra i Csa di Usa, Gran Bretagna, Germania e Ungheria.

csa

Una ricerca sulle preatiche e i merccanismi di solidarietà rivolta a consumatori di basso reddito [1]

.

“Da ciascuno secondo le sue capacità, a ciascuno secondo le sue necessità”
(Marx)

Leggi il resto di questa voce

Annunci

Se il Comune regala terra da coltivare

veg

A Monterotondo quando si potrà ottenere un beneficio pubblico del genere non sarà mai troppo tardi… Le uniche notizie reali verso questo indirizzo politico, che ho recuperato nel nostro comune, sono le seguenti

Monterotondo – In città in arrivo alberi di limone e orti urbani

Se si legge l’articolo spero che la motivazione non sa veramente quella citata al suo interno della scelta dell’albero di limone. Il limone ha delle difficoltà ad essere mantenuto nella stagione fredda se non tutelato. Esistono altri tipi di piante che potrebbero essere più adeguate.

Programma Sindaco

Punto non realizzato dopo 4 anni di governo (lo trovate a pagina 25)

Proposta di Giunta Comunale del 2/10/2013 è stata approvata?

Nell’attesa vi indico l’esperienza del comune di La Spezia. (tratta da Comune-info.net)

La Spezia – Il ritorno alla campagna non è solamente una aspirazione per chi non ne può più dello stressante trantran lavorativo, ma è soprattutto una questione che ha dimostrato tutta la sua valenza e attualità con i disastri causati dalle piogge autunnali degli ultimi anni. Proprio per questo l’amministrazione comunale della Spezia ha deciso di avviare un percorso di recupero delle aree collinari attraverso il progetto ‘Campagna urbana’, che si inserisce in un più ampio contesto di iniziative. Un programma che passerà per l’assegnazione ad aziende agricole o a semplici cittadini dal pollice verde di aree comunali e demaniali e che vorrebbe presto coinvolgere anche i privati che non sono in grado di prendersi cura degli appezzamenti che possiedono. Leggi il resto di questa voce

Felice…mente

felicemente_1

«Se il tuo nemico ha fame, dagli del pane da mangiare; se ha sete, dagli dell’acqua da bere; perché, così, radunerai dei carboni accesi sul suo capo, e il Signore ti ricompenserà» (Pr 25,21s).

Alcuni lettori si potrebbero come mai ho voluto citare un verso della Bibbia oggi. In questi giorni, dopo alcune vicende delle quali mi sto interessando, inizio ad essere attaccato per le idee che sto esprimendo. Cittadini che si stanno burlando di me e provano ad minare la mia credibilità, non tanto attaccandomi sull’argomento di cui scrivo, ma su come scrivo(come ho detto in risposta a diversi commenti capita a tutti di sbagliare a scrivere e parlare), osservando che non scrivo pareri personali, o indicandomi eventi accaduti su altre città italiane.

Se questo sarà il clima con il quale si affrontarà la campagna elettorale non mi preoccupo. Mi dispiace per queste persone che attaccano per posizione presa, senza tanto informarsi. Il bello della politica è che le proprie posizioni su un argomento “X” devono essere giustificate edd argomentate. Il fatto che io pensi “X” e te “Y” non vuol dire che io abbia ragione e te torto (o viceversa), perchè se io che penso “X” e dialogando con te mi accorgo di non aver considerato determinati fattori (che invece te hai considerato) può accadere che entrambi convergiamo sulla stessa posizione.

Errare è umano, ma perseverare è diabolico. L’importante è ammettere i propri errori come le azioni fatte bene. Tutti coloro che concorrono per le prossime amministrative dovranno pensare al bene del nostro territorio e non agli interessi dei soliti noti.

Voglio invitare tutti a partecipare al prossimo incontro del MoVimento 5 stelle di Monterotondo che si terrà, presso la futura sede alle 21 in via Gramsci 74.

PS: per chi non è informato il 15 dicembre si sceglierà chi sarà il candidato sindaco per il MoVimento 5 stelle a Monterotondo attraverso una votazione cittadina. Il gruppo ha scelto i tre seguenti nomi: Ilaria Calabrese, Anton Giulio Maglione, Gabriele Scatena

Terra in cambio di frutta e verdura

agricoltura_sociale
Terreni abbandonati affidati a giovani e disoccupati, formati secondi i principi dell’agricoltura contadina. In cambio della concessione della terra, offriranno una parte della frutta e delle verdura coltivate, destinata a fasce sociali deboli di Torino

Combattere la disoccupazione, riducendo al contempo il divario “tra il magro reddito dell’agricoltore e il prezzo crescente pagato dal consumatore per i prodotti alimentari”. È quanto si propone Agritorino, ambizioso progetto nato dalla partnership tra Sermig, Salesiani e Cottolengo, che verranno affiancati dai Padri somaschi. Con loro, anche la Banca PerMicro (attiva nella finanza etica e nel microcredito) e la Piazza dei mestieri, ente che si occupa di formazione e avviamento al lavoro per giovani e disoccupati. Leggi il resto di questa voce