Archivio mensile:dicembre 2013

Le cifre dell’austerity – Parte 1

rich-poor

Il Credit Suisse e la Croce Rossa hanno pubblicato recentemente due diversi rapporti a dir poco sconcertanti. Il primo fa un bilancio statistico della ricchezza mondiale. Ci informa che “dal 2000 è più che raddoppiata, raggiungendo un nuovo record storico di 241’000 miliardi di dollari”. Il secondo dal canto suo illustra “conseguenze umanitarie della crisi economica in Europa” (sono 42 paesi i analizzati nell’Unione europea, nei Balcani, nell’Europa orientale). Dimostra con precisione che “nei 22 paesi presi in considerazione, il numero di persone che dipendono dalle distribuzioni alimentari della Croce Rosa è aumentato del 75% tra il 2009 e il 2012″. Leggi il resto di questa voce

Annunci

Il moVimento 5 stelle che vorrei

Cari lettori,

oggi voglio condividere il moVimento 5 stelle che vorrei:

vorrei che a livello nazionale si lavorasse per creare e non solo per investigare(perfetto fino a questo momento, anche se i media sono al 99% contro al nostro operato). Essere maggiormente diplomatici, perché la politica è anche dialogo e non solo critica. Con chi vuole dialogare bisognerebbe dare loro la possibilità di farlo e capire cosa vogliono e capire se si possono fare le cose insieme. Lavorare insieme non significa diventare come gli altri; si può collaborare con altri senza corrompersi, basta dire no, quando non si vuole diventare collusi. Il NO a prescindere non porta da alcuna parte.

A livello regionale mi piacerebbe avere un maggiore contatto, mi sembra che stia avvenendo uno strappo fra la base e i consiglieri regionali…sarà dovuto al poco personale e collaboratori con i quali si sono circondati? Stanno facendo un lavoro enorme davanti all’ostruzionismo che gli altri partiti stanno praticando e mettendo in atto nel consiglio regionale e all’interno delle commissioni.

A livello locale si sta creando un team affiatato di lavoro, si stanno avvicinando decine di cittadini che sono stanchi dell’attuale modo di fare politica sia della giunta che dei consiglieri comunali. Avere un candidato sindaco donna, Ilaria Calabrese, è una svolta per Monterotondo; già questo è un segno di un nuovo modo di fare politica. Stiamo ricevendo sempre diversi avvicinamenti di nuovi cittadini interessati e con una grande voglia di fare e di fare meglio. A me piacerebbe fare una campagna elettorale senza timore, senza avere paura di rischiare…rischiare di errare, di osare. Quando il prossimo anno entreremo nelle istituzioni, faremo conoscere cosa accade nelle commissioni consiliari e le apriremo come delle scatole di tonno, e se saremo al governo di questa città, nulla sarà nascosto al cittadino.

Auguri di Buon Natale

https://soundcloud.com/anton-giulio-maglione/nicola-il-portinaio-poesia-per

Consiglio tutti di ascoltarla. Molto toccante e scritta con il cuore. Oltre la poesia volevo lasciarvi con questo messaggio:

Vale la pena regalare una carezza e un sorriso in più anche quando non si hanno le forze
Vale la pena guardare negli  occhi Il prossimo e comprenderne la sofferenza
Vale la pena lottare per le cose in cui credi
Vale la pena continuare a trovare un motivo per emozionarsi
Vale la pena sentire l amicizia  e conservarla gelosamente
Vale la pena continuare a sognare
Tutto questo per dirti con tutto il cuore Buon Natale.

Se il Comune regala terra da coltivare

veg

A Monterotondo quando si potrà ottenere un beneficio pubblico del genere non sarà mai troppo tardi… Le uniche notizie reali verso questo indirizzo politico, che ho recuperato nel nostro comune, sono le seguenti

Monterotondo – In città in arrivo alberi di limone e orti urbani

Se si legge l’articolo spero che la motivazione non sa veramente quella citata al suo interno della scelta dell’albero di limone. Il limone ha delle difficoltà ad essere mantenuto nella stagione fredda se non tutelato. Esistono altri tipi di piante che potrebbero essere più adeguate.

Programma Sindaco

Punto non realizzato dopo 4 anni di governo (lo trovate a pagina 25)

Proposta di Giunta Comunale del 2/10/2013 è stata approvata?

Nell’attesa vi indico l’esperienza del comune di La Spezia. (tratta da Comune-info.net)

La Spezia – Il ritorno alla campagna non è solamente una aspirazione per chi non ne può più dello stressante trantran lavorativo, ma è soprattutto una questione che ha dimostrato tutta la sua valenza e attualità con i disastri causati dalle piogge autunnali degli ultimi anni. Proprio per questo l’amministrazione comunale della Spezia ha deciso di avviare un percorso di recupero delle aree collinari attraverso il progetto ‘Campagna urbana’, che si inserisce in un più ampio contesto di iniziative. Un programma che passerà per l’assegnazione ad aziende agricole o a semplici cittadini dal pollice verde di aree comunali e demaniali e che vorrebbe presto coinvolgere anche i privati che non sono in grado di prendersi cura degli appezzamenti che possiedono. Leggi il resto di questa voce