Trasparenza:Trattamento e benefit dei consiglieri comunali perchè non sono on-line?

Non è affatto facile conoscere il trattamento e il benefit di un consigliere comunale; le informazioni reperibili in rete o fornite dagli uffici sono spesso lacunose, contraddittorie o direttamente sbagliate. Ricordiamo anche che il trattamento varia da Comune a Comune.

Stipendio. Un consigliere comunale non ha un compenso fisso, ma prende un gettone di a seduta; dunque, ha degli introiti solo quando partecipa alle sedute, mentre nei mesi di ferie (es. agosto), se si ammala o se si assenta per qualsiasi motivo non percepisce nulla. Vengono retribuite sia le sedute del consiglio che quelle delle commissioni.

Contributi. Per i consiglieri comunali – a differenza di consiglieri regionali e parlamentari – non viene versato alcun tipo di contributo previdenziale; facendo il consigliere a tempo pieno, si rimarrà con un “buco” di cinque anni nei contributi pensionistici. Se invece il consigliere svolge in parallelo una attività lavorativa, allora potrà godere degli eventuali contributi versati in tale ambito.

Rimborsi spese. In teoria, il gruppo consiliare può corrispondere rimborsi spese per trasferte istituzionali, come avviene ad esempio per i consiglieri regionali, pagando il costo del trasporto pubblico o il rimborso chilometrico per l’auto (giustificato e motivato).

Permessi lavorativi. Il TUEL prevede che i lavoratori dipendenti (tutti senza distinzioni) abbiano diritto ad un permesso retribuito per la sola durata della seduta (commissione o consiglio) eventualmente integrabile con il tempo necessario per il trasporto (massimo 60 minuti). I costi di questi permessi sono rimborsati dal Comune all’azienda presso cui e’ impiegato il lavoratore. Quello che viene rimborsato all’azienda e’ il COSTO PIENO del lavoro che, come ho spiegato prima e’ ben più alto anche della paga lorda di cui il dipendente ha visibilità. Dal punto di vista del lavoratore dipendente la situazione e’ analoga a quando si viene chiamati a fare lo scrutatore: se l’elezione non occupa la sola domenica e continua nel lunedì si ha un permesso retribuito dal lavoro e si viene anche pagati dallo Stato per il lavoro da Scrutatore. Questo tipo di remunerazione non avviene per i lavoratori privati (professionisti o imprenditori).

Come mai non sono on-line le determine dei rimborsi di oneri retributivi ai datori di lavoro per le assenze retribuite dei nostri Amministratori e Consiglieri Comunali? Su alcuni comuni sono disponibili come in quello di Bagheria

Esiste nel nostro comune un massimale di presenza, oltre al quale, non si ha diritto al gettone di presenza? un consigliere comunale dice che a Bologna esiste.

Oggi ho consegnato la richiesta di accesso agli atti per conoscere quanto sono stati presenti i nostri amministratori e a quanto ammontano i rimborsi erogati. Ci aggiorniamo fra un mesetto a causa dei tempi che si prende il comune per produrre gli atti.

Annunci

Pubblicato il 23 settembre 2013, in Politica eretina, Uncategorized con tag , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 3 commenti.

  1. anche per sindaco e assessori non esistono contrinuti previdenziali. che invece sono in essere per consiglieri regionali e deputati.

  2. ciao antongiulio GRAZIE, un saluto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: