Archivio mensile:luglio 2013

La via della perseverenza

Correzioni ad articolo “Le presenze dei consiglieri di Monterotondo”

Immagine

A seguito dei commenti ricevuti in merito all’articolo da me pubblicato su questo blog il 1 di luglio, intitolato “Le presenze dei consiglieri di Monterotondo”, devo fare delle correzioni a causa di una scarsa trasparenza nella stesura delle delibere da parte della nostra pubblica amministrazione.

Ad esempio, se si va ad esaminare la delibera del consiglio comunale n°15 del 13/4/’13 (la trovate qui), potete notare questa dicitura: Leggi il resto di questa voce

Articolo pubblicato su la questione Le terrazze

Articolo pubblicato su la questione Le terrazze

Questo è il contributo che, allo stato attuale, il moVimento 5 stelle sta provando a dare per portare alla legalità una situazione locale, de Le Terrazze, stagnante da diversi anni oramai.
Ovviamente questo primo passo non poteva essere eseguito in maniera autonoma.

Per questo motivo voglio ringraziare tutti i cittadini della zona che senza il loro contributo, questa azione non poteva essere messa in atto.

I cittadini dei condomini adiacenti a queste palazzine occupate abusivamente continueranno a cercare una risposta ed una soluzione. Il moVimento 5 stelle cercherà di supportare, con i mezzi a disposizione, coloro che vorranno mettersi in gioco e partecipare al miglioramento della nostra città. (altro…)

Gesti da condividere e copiare

ivan_fernandez_anaya
Il 2 dicembre, il corridore basco Iván Fernández Anaya era in competizione in una corsa campestre a Burlada, Navarra. In seconda posizione, a una certa distanza dietro il leader della corsa Abel Mutai, medaglia di bronzo nella 3000 metri siepi alle Olimpiadi di Londra. Entrati in dirittura d’arrivo, vide il keniano fermarsi circa 10 metri prima del traguardo, pensando di aver già attraversato la linea.

Fernández Anaya invece di sfruttare l’errore di Mutai ed accelerare il passo per rivendicare una vittoria improbabile, è rimasto dietro e, a GESTI, ha guidato il Kenyiota alla linea per fargliela attraversare per primo.

A fine gara ha dichiarato: “Anche se mi avessero detto che la vittoria mi avrebbe garantito un posto nella squadra spagnola per i campionati europei, non l’avrei fatto. Perché oggi, con il modo in cui vanno le cose in tutti gli ambienti: nel calcio, nella società, nella politica, in cui sembra che tutto sia permesso, un GESTO di onestà è anche più importante ”

Come detto all’inizio: purtroppo, molto poco è stato detto del GESTO. Fa più effetto sapere come si chiama il figlio di un re, o quanto viene pagato un calciatore per una squadra di calcio o come muore un motociclista durante una gara che non doveva essere effettuata

A mio parere, sarebbe bello da spiegare ai bambini, che lo sport non è solo quello che la maggior parte di noi vede in tv.