Archivio mensile:giugno 2013

Oltre il Giudizio

Gesù contro Satana

«Satana sa che tutti coloro che chiedono a Dio il perdono e la grazia saranno esauditi, ecco perché presenta i peccati commessi affinché si scoraggino.

Egli crea continuamente occasioni in cui coloro che si impegnano a ubbidire al Signore sono portati a lamentarsi. Cerca anche di mettere sotto una cattiva luce le loro azioni migliori. Tramite numerosi espedienti, di una crudeltà e astuzia incredibili, cerca di provocare la loro condanna. Con le sue forze l’uomo non può far fronte alle accuse del nemico. In piedi davanti a Dio, con gli abiti macchiati dal peccato, confessa le sue colpe. Ma Gesù, nostro Avvocato, presenta forti argomentazioni in favore di tutti coloro che pentiti e con fede si sono affidati a lui. Egli difende la loro causa e con le potenti argomentazioni del Calvario vince il loro accusatore. La sua perfetta ubbidienza alla legge di Dio gli ha dato ogni potere in cielo e sulla terra e quindi può chiedere al Padre suo misericordia e riconciliazione per l’uomo colpevole. All’accusatore del suo popolo egli dichiara: “Ti sgridi il SIGNORE, Satana”. Questo popolo è stato riscattato dal mio sangue, è un tizzone strappato dal fuoco! A chi confida in lui, gli dà questa certezza: “… io ti ho tolto di dosso la tua iniquità e ti ho rivestito di abiti magnifici” (Zc 3:2,4)» – Profeti e Re, pp. 586,587 [294]

Plebliscito o democrazia diretta?

Immagine

Mi è arrivata ieri questa mail dai gruppi di Losanna e Ginevra.

La democrazia diretta è il popolo che chiama al voto se’ stesso, o i governanti, su temi decisi dal popolo.
Il Plebiscito e’ il governante che chiama al voto il popolo su temi decisi dal governante.

Cari amici del m5s,
Il votare e’ sempre meglio che il non votare, ma ci pare opportuna ed anzi doverosa la precisazione sulla differenza tra la democrazia diretta ed il plebiscito.

La democrazia diretta moderna (quella che affianca il sistema rappresentativo
eliminando il monopolio del potere legislativo) , è comparsa per la prima volta durante la rivoluzione francese con la costituzione del ’93 (detta “montagnarda”, mai applicata).
Il primo a distorcerla fu Napoleone che, volendo sfruttare il consenso popolare insito nella democrazia, ed essendo pero’ infastidito dalla democrazia stessa inventò il PLEBISCITO: il voto è popolare, ma il “diritto di iniziativa” (vale a dire: la scelta del tema ed il giudizio sula sua opportunità) se lo tiene il “governante”. Leggi il resto di questa voce

Le 12 regole per prevenire i tumori

cibi_anti_tumore

Specialisti del Policlinico Gemelli in piazza per la prevenzione contro il cancro. Dodici le regole per ridurre al minimo il rischio di ammalarsi di tumore: dallo stop al fumo alla tintarella sicura, passando per l’attenzione al consumo di alcol e per la lotta ai chili di troppo.
Il Dodecalogo della prevenzione è stato presentato in occasione della prima tappa della manifestazione Gemelli insieme.
«Sebbene sia difficile fare una stima precisa della riduzione globale del rischio tumori che si può ottenere seguendo i corretti stili di vita suggeriti dal dodecalogo – spiega Carlo Antonio Barone, direttore dell’Unità operativa complessa di Oncologia medica del Gemelli – perché l’incidenza dei vari tumori è diversa, una percentuale ragionevole di questa riduzione potrebbe essere intorno al 30% circa».
Leggi il resto di questa voce

Gestione del tempo: 10 idee per smettere di sprecare tempo ed imparare a liberare minuti preziosi per fare ciò che ami.

Immagine

Oggi voglio condividere con tutti voi un articolo che ho trovato su questo sito http://www.efficacemente.com/

Parafrasando Benjamin Franklin potremmo dire che al mondo niente è inevitabile, tranne la morte, le tasse e… il trascorrere del tempo. Il tempo, se è inevitabile nel suo trascorrere, è anche la risorsa più democratica che conosca: in una giornata tutti ne abbiamo esattamente lo stesso ammontare, 86.400 secondi.

Leggi il resto di questa voce